Google Home è un gadget smart di Google che funziona grazie all’assistente di Google, lo stesso assistente, per intenderci, che possiamo trovare anche su Allo. Con un semplice comando vocale possiamo fargli riprodurre una musica o chiederli il meteo del weekend.

Queste funzionalità, seppur utili, sono piuttosto limitate e di un utilizzo pratico poco soddisfacente, fino ad oggi.

Si tratta di una novità di alcuni giorni fa il supporto di Google Assistant ad IFTTT.

IFTTT è forse la piattaforma più conosciuta e nota che permette di eseguire delle azioni quando avvengono determinate condizioni. Per fare un esempio, ogni volta che scatti una foto è possibile far caricare questa foto su Google Drive e su Dropbox. Il vantaggio di un’applicazione di questo tipo, rispetto alle funzionalità native, è l’enorme disponibilità di azioni/reazioni che si possono creare con centinaia di prodotti.

Avevamo già visto il suo funzionamento nel post in cui spiegavamo come creare un evento Google Calendar da Gmail.

Questo comprende anche tutti gli oggetti domotici in casa, come le lampadine Samsung o i termostati della NEST.

Immagina poter controllare la temperatura da casa semplicemente scrivendo all’assistente di Google “che temperatura c’è in casa?”, oppure di spegnere le luci scrivendo “spegni tutte le luci”.

 

 

Alcuni esempi del suo utilizzo:

  • imposta e controlla il termostato Nest
  • effettua una chiamata
  • accendi la TV con la voce
  • blocca la prossima ora su Google Calendar
  • aggiungi un compito alla lista delle cose da fare
  • pubblica su Facebook o su Twitter
  • Ok Google, è ora di dormire (e chiudi tutte le porte e le finestre)
  • cambia il colore delle luci Hue o LIFX
  • aggiungi un nuovo contatto di Google

Dovremo aspettare ancora, Google Home non è approdato in italia e l’assistente di Google è disponibile solo sui Pixel (ancora per poco) e solo in lingua inglese.